James Wood è il perfetto esempio di critica letteraria che riesce a diventare mainstream. I suoi articoli sul New Yorker sono arcinoti, ha consacrato negli USA autori come Elena Ferrante e Karl Ove Knausgard ma è altrettanto celebre per le sue stroncature...